Primo Meeting dei Giovani Veronesi.

Buenos Aires - Argentina

 

primerencuentro

PRIMO INCONTRO GIOVANI VERONESI NEL MONDO
Buenos Aires - 8 novembre 2008 - 35° anniversario Circolo L'Arena
Verbale

Inizio lavori alle 14.30 con la presentazione da parte del Segretario Ottavio Messetti dell'iniziativa del Presidente Ceni e del Cda dell'associazione di creare un apposito spazio per i giovani veronesi in modo di poter essere vicini alle loro esigenze, coinvolgendoli nelle attività associative così da creare una naturale continuità dei circoli nel futuro.


Marcello Pernigotto: sottolinea come, nonostante la crisi economica che colpisce anche l' Italia, il Veneto ed in particolare Verona siano attive nell'associativismo e nel volontariato in modo presente e reale, ribadendo il concetto del Presidente Ceni secondo il quale l'associazione Veronesi nel Mondo ad un impegno preso ha sempre fatto seguito la conseguente realizzazione. A tal proposito la presenza al nostro incontro dei rappresentanti della Curia, Provincia e Comune di Verona sono a testimonianza di tale impegno.
Marcello Pernigotto chiede che i giovani parlino e portino dei progetti concreti di come vogliano sviluppare la loro attività nell'abito del proprio circolo
Inoltre si comunica ai responsabili dei circoli che potranno parlare alla fine dell’incontro dando prima spazio esclusivamente ai Giovani


GIOVANI:

Lia (circolo Buenos Aires): presenta un progetto scritto riguardo l'insegnamento dell'arte Veronese ed Italiana ai bambini (età asilo-elementari) in modo da sfruttare le capacità dei piccoli nell'apprendimento delle lingue con teatro, burattini, letture fiabe , disegno - allega progetto

Laura (circolo Buenos Aires): presenta un progetto scritto per l'insegnamento della lingua legato allo sport per bambini, in particolare il nuoto. In tal senso, sfruttando la componente ludica del nuoto e il fatto dello stare insieme dei bambini, si potrebbe insegnare loro parlando in italiano- allega progetto
A questo punto Marcello spiega concretamente sui due corsi esposti quali sono le fasi progettuali per obiettivi, risorse, materiale, eventuale richiesta di contributo, realizzazione e rendicontazione finale.
Si esemplifica in maniera concreta l'iter per la compilazione del progetto arte con i seguenti punti:
• obiettivo del corso: insegnamento della lingua ai bambini attraverso l'arte veronese ai bambini
• scelta del posto: teatro de las Hermanas de La misericordia
• scelta docenti: tra i giovani del circolo L'Arena
• materiali: libri, colori, varie

Carla (Santa Fe): nel suo circolo, vista la disponibilità di tue teatri all'aperto, propone dei progetti musicali e di teatro viste anche le esperienze precedenti con la Gioventu' Veneta e mostra in tal senso l'opuscolo con la realizzazione del Balcon de Julieta. A tal proposito Ottavio chiede che gli sia inviato del materiale fotografico per valorizzare l'iniziativa sul sito e sulla rivista e che per le prossime iniziative sia sempre messa al corrente l'Associazione.

Daniela (Porto Alegre): spiega la situazione del suo circolo rinato di recente e che sta iniziando a consolidarsi anche nei giovani


Diogo (Antonio Prado): spiega della difficolta’ di reperire libri, video, arte, in lingua italiana. Accenna l’idea di una biblioteca di storia di Verona.


Alvaro (San Paolo) parla della sua esperienza a Verona e di come ha recuperato del materiale in Italia e se si potesse tramite l'associazione averne ulteriormente. Sottolinea la difficolta’ di reperire e conoscere materiale italiano per i giovani all’estero.


Santiago (circolo Buenos Aires) porta l'iniziativa di proiettare dei film in Italiano presso il Salone de Las Hermanas. Il progetto, semestrale, potrebbe avvalersi di uno psicologo o sociologo che coinvolga lo spettatore nell’analisi del film.


Michele (Sidney) oltre a sottolineare che si possono integrare e migliorare le potenzialità del sito dell'associazione da lui curato, anche seconda delle esigenze dei vari giovani, propone di integrare tutte le nuove e mail dei giovani e di espandere anche tra le nostre conoscenze personali la realtà della Veronesi nel mondo, iniziando con delle newsletter periodiche. Invita gli altri giovani veronesi ad utilizzare nuove forme di aggregazione e di incontro quali face book, che sta diventando il social network piu’ gettonato del web.


Roveda (Antonio Prado): parla della sua esperienza con i film sulle comunità Cimbre in Brasile. Spiega della realizzazione dell’etno-documentario “L’eco delle Montagne” di cui e’ il produttore, premiato al Film Festival Lessinia lo scorso agosto. Elenca gli enti italiani e brasiliani coinvolti come partner nel progetto e il costo di realizzazione.


Vanda (Espiritu Santo) parla del suo nuovo circolo e della sua esperienza con il ministero degli esteri. Propone una biblioteca e videoteca Tipo. Il “pacchetto tipo” dovrebbe essere fornito ad ogni circolo veronese all’estero come proposta di base. Propone inoltre d’utilizzare, se possibile, borse di studio per la pubblicazione di tesi di laurea inerenti all’emigrazione veronese all’estero.
Il segretario prima del termine lavori propone ai presidenti dei circoli che vogliano parlare di intervenire

PRESIDENTI:


Fabris (Criciuma) sottolinea che la Veronesi nel mondo dovrebbe attivarsi per:
• portare l'età di giovani dai 35 ai 40 anni
• avvisare per tempo i corsi che propone la regione
• fare in Brasile un corso insegnanti di italiano
• fare in Brasile un corso di italinano per i soci del circolo
• fare programma interscambio giovani
• proporre un incontro sullo spirito imprenditoriale dei giovani


Marcello spiega che i punti saranno presi in considerazione ma che per quanto attiene disposizioni quali l'età anagrafica dei giovani dipende dalla legge regionale del veneto e pertanto non di nostra competenza e per i corsi della regione stessa basta considerare che il sito internet della regione è direttamente consultabile da qualsiasi circolo
alle 17 30 il segretario Messetti Ottavio chiude i lavori